17 Febbraio, 2018

Formazione

FORMAZIONE

Da più di dieci anni mi occupo di formazione degli adulti.

L’opportunità che mi ha dato il mio percorso formativo – essere uno psicoterapeuta con una formazione drammaturgica e di filmmaker – è diventata l’occasione per elaborare teorie e costruire strumenti e metodologie di intervento che pongano sempre la persona al centro del proprio processo di apprendimento.

Mio obiettivo è offrire esperienze formative in grado di sviluppare con efficacia e attenzione le competenze-target individuate.

Dall’analisi dei bisogni formativi al follow-up successivo alla formazione, lavoro prestando grande attenzione all’ascolto dei bisogni e all’osservazione dei processi di apprendimento, sapendo quanto sia importante rispondere alle domande di:

  • Concretezza, cioè ‘cosa occorre fare in pratica’
  • Autoreferenzialità, cioè ‘diventare consapevoli e responsabili dei propri bisogni e risorse’
  • Proattività, cioè ‘essere protagonisti del proprio apprendimento e cambiamento’

A seconda dei bisogni formativi condivisi, le attività

proposte variano per:

  • Durata (delle singole attività e della formazione)
  • Ambientazione (indoor, outdoor, miste)
  • Strumenti e Contenuti

E’ possibile, per avere comunque un quadro più chiaro, schematizzare in questo modo le tipologie di attività:

  • Attività Warm-up

(Attività brevi, di riscaldamento, finalizzate alla conoscenza tra i partecipanti, per riscaldare il gruppo e prepararlo alle attività successive)

  • Attività di problem solving

(Attività orientate a sperimentare situazioni in cui sia necessario applicare strategie creative di risoluzione dei problemi, di durata variabile)

  • Outdoor Small Techniques

(Attività all’aria aperta, finalizzate a costruire un clima cooperativo e di fiducia tra i partecipanti e a prendere maggiore consapevolezza del proprio potenziale, confrontandosi con situzioni che richiedono l’attivazione di risorse personali e di gruppo)

  • Attività metaforiche

(Attività più lunghe e articolate, che si propongono come cornice all’interno della quale si declinano varie attività. Un’esempio è rappresentato dalla giornata dedicata alla realizzazione di uno spot pubblicitario: durante la giornata le singole attività saranno finalizzate all’ideazione e realizzazione di un audiovisivo. Altro esempio è il Teatro d’impresa, per lavorare alla messa in scena di una rappresentazione teatrale sui temi discusi).

Ogni attività (dalle più brevi alle più strutturate) è sempre caratterizzata dalle seguenti fasi:

  1. Briefing
  2. Azione
  3. Debriefing
  4. Estrazione di modelli

Contattatemi se  interessati a implementare percorsi di formazione efficaci e flessibili, attraverso nuove metodologie capaci di innescare  immediati processi di riflessione e cambiamento nei sistemi, nei contesti e nelle persone.

Per informazioni: alessandrociardi5@gmail.com

Cell. 3394226252