“Società della prestazione” ed evitamento del dolore

Nella società occidentale contemporanea, assistiamo a un fenomeno diffuso di evitamento del dolore e rimozione della sofferenza, dove l’individuo cerca incessantemente di eludere le esperienze emotive cosiddette negative. Questo comportamento è spesso alimentato da una cultura che promuove la gratificazione immediata e la fuga dalla sofferenza ed è oggetto di analisi da parte di vari teorici, tra cui il filosofo sudcoreano Byung-Chul Han.

Byung-Chul Han ha esplorato profondamente la società contemporanea, evidenziando come la sua enfasi sull’autorealizzazione e sul successo individuale abbia portato a un’ossessione per l’ottimizzazione della propria vita. In questo contesto, l’evitamento del dolore diviene una strategia predominante, spingendo le persone a cercare vie di fuga anziché affrontare le sfide emotive e psicologiche.

Il concetto di “società della prestazione” di Byung-Chul Han riflette la pressione costante di essere produttivi e di raggiungere obiettivi sempre più elevati. Questa pressione contribuisce all’evitamento del dolore, poiché le persone temono che l’esperienza di sofferenza possa minacciare la loro produttività e il loro successo sociale. Di conseguenza, si manifesta una tendenza a nascondere il dolore dietro una facciata di perfezione apparente.

La psicoterapia e l’esperienza di un percorso personale, in questo contesto, può giocare un ruolo cruciale nel supportare gli individui nel superare l’evitamento del dolore. Attraverso l’esplorazione amorevole delle proprie emozioni e fragilità, la consapevolezza di sé e il confronto con alcuni “nodi” interiori, i pazienti possono imparare a gestire la sofferenza in modo costruttivo anziché cercare fughe illusorie. La psicoterapia può anche aiutare a decostruire le aspettative sociali dannose e a promuovere una visione più realistica e accettante della vita, supportando i pazienti a consolidare una parte di sé più compassionevole con le proprie vulnerabilità, imparando a non giudicarle come difetti o mancanze.

L’evitamento del dolore psicologico, quindi, richiede un’attenta riflessione e un approccio terapeutico che incoraggi l’accettazione e la gestione delle emozioni. La psicoterapia può fungere da catalizzatore per un cambiamento positivo, spingendo gli individui a esplorare la complessità della loro esperienza emotiva anziché rinunciarvi in favore di soluzioni superficiali e temporanee.

StudioMynd - Psicologia, Mindfulness e terapie integrate
In Via Giovanni Battista Pergolesi, 27 - Milano / Zona Stazione Centrale, Corso Buenos Aires, Viale Brianza. Fermate Metropolitana più vicine: Caiazzo, Loreto.

CIG - Centro Italiano Gestalt – Centro clinico di Psicoterapia
In Via Tiraboschi, 8 - Milano / Zona Università Bocconi, Piazzale Lodi, Ospedale maggiore Policlinico, Piazzale Libia. Fermate Metropolitana più vicine: Porta Romana, Lodi TIBB.

Alessandro Ciardi | P.IVA: IT07289310968 | Privacy policy